Via Margherita di Savoia, 25 80046 San Giorgio a Cremano, Napoli

Coronavirus CODIV-19 e manifestazioni cutanee ai piedi

 

Manifestazioni cutanee ai piedi di bambini e ragazzi: per Iss forse un sintomo per Covid-19

E’ possibile che vi sia una manifestazione cutanea legata al Covid-19: si tratta di una sorta di geloni ai piedi riscontrati in vari soggetti asintomatici in età pediatrica, anche se al momento non vi è alcun legame dimostrato con la malattia.

Fin dall’inizio della pandemia di Covid-19 in Italia e in Spagna si sono registrati un numero sempre più crescente di segnalazioni, da parte dei pediatri e sui social, di casi, in popolazione di età pediatrica e adolescenziale, di lesioni a chiazza rosso-violaceo, soprattutto a carico delle dita dei piedi. Queste chiazze, si presentano in bambini e ragazzi, per lo più asintomatici, alcuni, parrebbe, con positività familiare al Covid-19, spesso dopo una sindrome parainfluenzale e si risolvono spontaneamente dopo due-tre settimane.

Un gruppo di specialisti ha inviato una lettera a Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss), chiedendo di indagare su questo inedito e al tempo stesso possibile sintomo legato al nuovo coronavirus.

Al momento, non è stato possibile globalmente appurare se siano espressione dell’infezione Covid-19, essendo necessari tamponi specifici e test sierologici su larga scala. Le lesioni, simili a Erytema Pernio-Like (o geloni), – sicuramente non così frequenti in questa stagione- hanno peraltro suscitato anche l’attenzione di dermatologi francesi che hanno, nelle scorse ore, lanciato l’allarme.

Secondo il Sindacato Nazionale dei Dermatologi-Venerologi (SNDV) francesi i geloni potrebbero essere un sintomo del temuto Coronavirus. Oltre 400 dermatologi, riuniti in un gruppo WhatsApp per scambiarsi informazioni utili circa la pandemia in corso, hanno specificato in un comunicato stampa a cosa si deve prestare attenzione. Dunque occhi puntati su improvvisa comparsa di arrossamenti persistenti, lesioni orticarie transitorie, acrosindromi vascolari (vasculiti) e congelamento a livello delle estremità. Fondamentali per questa parziale conclusione, quattro osservazioni di eritema comparso sui volti dei pazienti affetti da Covid-19. Esse sono state rilevate, assieme anche ad acrosindromi vascolari, nell’ospedale di Henri-Mondor di Créteil.

Quadri clinici simili, in pazienti di Whuan, sono già descritti in letteratura mentre le segnalazioni arrivano un pò da tutti i paesi. Se tali lesioni dovessero essere, nel futuro più imminente, correlate a COVID-19, sarebbero da considerare manifestazioni di notevole valore clinico della stessa infezione, posta la sostanziale asintomaticità della stessa nell’età evolutiva e il contestuale potenziale di contagiosità.

E’ importante, pertanto, effettuare un controllo specialistico podologico da un professionista esperto e soprattutto qualificato!

 

Post Correlati