Le dita a martello

Le dita a martello rappresentano una deformità del piede o meglio ancora dell’avampiede molto comune, che si accompagna molto spesso all’alluce valgo. Il dito a martello è quindi una deformazione o deformità caratterizzata da una flessione della articolazione interfalangea prossimale e da una iperestensione dorsale della articolazione metatarso-falangea e della articolazione interfalangea distale che dispone il dito come il martelletto del tasto del pianoforte da cui deriva il nome. Molto spesso viene accentuato da una postura del piede non conforme ovvero ad un piede piatto o pronato oppure ad un piede cavo.

Oltre ad un difetto estetico, ben visibile, queste deformità sono causa di infiammazione, forte dolore e arrossamento nel punto di contatto con le calzature. L’attrito continuativo del dito con la tomaia della calzature porta alla formazione di calli (ipercheratosi) dorsali o plantari che possono in alcuni casi sfociare in lesioni ulcerative ed infezioni (pazienti diabetici, reumatici, geriatrici) o addirittura portare nel tempo a metatarsalgie (di una o più teste metatarsali) molto dolorose.

La causa principale del dito a martello è uno squilibro muscolo-tendineo che porta al piegamento del dito. Inizialmente vi è la degenerazione e la successiva rottura della capsula articolare metatarso-falangea che aumenta l’instabilità e la predisposizione a sviluppare la deformità. Altra causa può essere un dito eccessivamente lungo che in scarpe strette e dall’attrito viene forzato a piegarsi. Solitamente la deformità avviene al 2° dito ma molto spesso può protrarsi anche al 3° e 4° dito del piede. All’origine di questa deformità c’è un’instabilità dell’articolazione colpita provocata da uno squilibrio tra i muscoli brevi e i muscoli lunghi del dito interessato.

Tra le cause:

  • Predisposizione congenita
  • Diabete, che a volte causa insensibilità (neuropatia) agli arti inferiori
  • Patologie articolari
  • Patologie circolatorie
  • Patologie neuromuscolari
  • Infortuni alle dita dei piedi
  • Giocano un ruolo fondamentale inoltre le calzature: con scarpe troppo strette, soprattutto in punta, e tacchi troppo alti, le dita dei piedi possono premere contro la punta o la parte superiore delle calzature costringendole in una posizione innaturale e causando dolore.

Tutte le componenti articolari: cartilagine, capsula, legamenti, guaine tendinee e tendini, vengono coinvolte dal reumatismo articolare. Il processo infiammatorio reumatico, non trattato appropriatamente comporta:

  • fenomeni degenerativi dei tessuti articolari e peri-articolari;
  • retrazione dei tendini estensori e degli interossei;
  • lussazione delle falangi sulla testa del metatarso.

Il dito si “arriccia” e si mette sopra la testa del metatarso, spingendolo verso il suolo. Da questo deriva la formazione di un callo o ipercheratosi ed il relativo dolore plantare (metatarsalgia). La deformità prende il nome di “dita a martello”.

dita a martello

Molto spesso tutte le dita sono arricciate e deformate. Le dita non solo non partecipano all’appoggio dell’avampiede al suolo, ma aggravano il sovraccarico delle teste. In questo modo le teste metatarsali sono esposte senza tutela all’impatto con il suolo. Sotto la pianta del piede si formano callosità dolorose sempre più spesse. Il paziente soffre per il dolore e per la grave infiammazione, sia quando deambula che durante il riposo a letto. Quando la deformazione è all’inizio ed è elastica il plantare può abbassare le dita e il paziente prova sollievo. Quando la retrazione diviene rigida risulta bisogna associare all’utilizzo di una ortesi plantare specialistica una ortesi in silicone medicale su misura.

La visita specialistica è importante, non ai fini della diagnosi di deformità delle dita a griffe o a martello, che è piuttosto chiara al paziente fin dall’inizio, ma per cercare di capire quali siano le cause e le patologie associate. Infatti proporre la corretta terapia è fondamentale non solo per risolvere il problema, ma soprattutto per evitarne la recidiva.

Nel nostro Centro Specialistico per la cura del Piede e della Postura realizziamo delle particolari orthoplastie in silicone medicale per la protezione, il sostegno e il riallinemento delle eventuali dita che presentano tali deformità al fine di poter calzare la scarpa senza che la stessa possa creare paricolari conflitti molto spesso dolorosi e invalidanti; il loro utilizzo permette un miglioramento netto ed immediato della qualità della vita.

Post Correlati