Via Margherita di Savoia, 25 80046 San Giorgio a Cremano, Napoli
+393384700007

Metatarsalgia

La metatarsalgia è uno stato infiammatorio e doloroso che colpisce l’avampiede dovuto ad un sovraccarico a livello delle teste metatarsali, di solito il secondo e terzo metatarso del piede.

È una condizione abbastanza comune sia negli uomini che nelle donne;  può limitare i movimenti o addirittura impedire completamente la deambulazione. La metatarsalgia può essere causata da anomalie dell’anatomia metatarsale e dalla relazione tra i metatarsi e il resto del piede che causano il sovraccarico dell’avampiede. L’anomalia più comune è un secondo metatarso lungo. Sono ulteriori cause di metatarsalgia la plantariflessione eccessiva dell’avampiede causata da un piede cavo, dall’alluce valgo, da una frattura o in seguito ad un intervento chirurgico. Le fratture del piede causano spostamenti angolari o rotazionali dei metatarsi, con conseguente disallineamento e dolore all’avampiede. Altre cause includono l’alluce rigido, l’artropatia infiammatoria, l’obesità, il diabete, l’indossare frequentemente scarpe con tacchi alti e a punta stretta, l’instabilità delle articolazioni metatarso-falangee minori, il neuroma di Morton, la sindrome del tunnel tarsale, l’osteonecrosi della testa metatarsale (Malattia di Freiberg) e le deformità congenite o un processo neoplastico che causano l’allargamento della testa metatarsale .

Oltre al sovraccarico, la metatarsalgia può essere causata anche da alcune forme di neuropatia e/o di errato posizionamento/spostamento del cuscinetto adiposo sotto l’avampiede. Può essere provocata da numerosi fattori legati anche a deformità podaliche, deficit di appoggio del piede e della deambulazione e da alterazioni posturali. Da un punto di vista anatomico, l’avampiede rotondo e problemi ai legamenti dei metatarsi favoriscono le compressioni del nervo plantare digitale. In questi casi possono comparire anche neuromi e artrosi a carico dei metatarsi e delle falangi.


La metatarsalgia può comportare bruciore oppure forti dolori intermittenti; la funzionalità e la sensibilità di avampiede e dita è ridotta e, nella fase acuta, risulta impossibile correre. Ma non è solo una cattiva postura a creare questo tipo di problemi, esistono anche persone che hanno difetti congeniti a livello dell’avampiede, quali una diversa forma del piede o metatarsi più inclinati o di lunghezza diversa tra loro o semplicemente può essere dovuta alla presenza di alluce valgo, dita a martello o a griffe. Anche le malattie articolari hanno la loro importanza in questa situazione: molti si recano dallo specialista lamentando fastidi riconducibili alla metatarsalgia ma le cause scatenanti possono essere anche particolari forme di artrosi, artrite deformante e addirittura malattie vascolari e metaboliche.
Come ci si accorge di soffrire di metatarsalgia? Innanzitutto insorge un dolore che può essere alternante, continuo e nella maggior parte dei casi può aumentare quando si cammina e si poggia il piede a terra. Spesso, proprio a causa del fastidio, vengono assunte posizioni denominate antalgico-compensative che sembrano più comode per non poggiare troppo l’avampiede, col rischio di creare danni anche peggiori sia a carico del piede sano sia a carico del piede controlaterale fino ad arrivare a dar vita a problematiche alla colonna vertebrale, all’anca, alle ginocchia e alla postura.

Post Correlati

Privacy Preferenze
Quando visiti il ​​nostro sito Web, è possibile che vengano archiviate informazioni tramite il browser da servizi specifici, solitamente sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla privacy. Tieni presente che il blocco di alcuni tipi di cookie potrebbe influire sulla tua esperienza sul nostro sito Web e sui servizi che offriamo.